Massa Lubrense si conferma comune riciclone 2013

 

Massa Lubrense si conferma Comune Riciclone anche nel 2013

Lo scorso 30 ottobre presso l’Hotel Ramada di Napoli si è tenuta la IX edizione del Premio Comuni Ricicloni Campania 2013 di Legambiente, il riconoscimento ai Comuni per la migliore percentuale di raccolta differenziata realizzata nel 2012. Sono definiti comuni ricicloni 2013 tutte quelle amministrazioni che hanno raggiunto la percentuale del 65% (come richiesto dalla normativa vigente), mentre per stabilire la classifica generale e la premiazione dei comuni è stato definito un metodo di valutazione, che tiene conto della percentuale di raccolta differenziata raggiunta dai comuni nel 2012 e della valutazione delle buone pratiche adottate dagli stessi. Dalla somma dei due indicatori è fatto derivare l’indice IPAC (Indice di prestazione ambientale del comune) che stabilisce la graduatoria finale.

Ebbene anche in questa occasione il Comune di Massa Lubrense con una raccolta differenziata del 69% e 76,46 di indice IPAC si è classificato al 2^ posto tra i comuni della regione Campania con popolazione compresa tra 10.000 e 20.000 abitanti. Tra questi, in assoluto, Massa Lubrense risulta essere il primo Comune della provincia di Napoli.

Il Comune di Massa si è aggiudicato anche la menzione speciale di COREVE, il consorzio nazionale per il recupero del vetro, per l’avvio del servizio di raccolta domiciliare del vetro.

Si tratta - dichiara R.Apreda amministratore uscente di Terra delle Sirene SPA - di un ennesimo importante riconoscimento a tutti i cittadini di Massa Lubrense, al loro impegno per una buona raccolta differenziata, alla loro ormai matura coscienza civica che da anni dimostrano. È anche, consentitemelo, un premio all’impegno profuso quotidianamente da Terra delle Sirene e dai suoi operatori impegnati su un territorio difficile come quello di Massa Lubrense. Questi risultati hanno una valenza specifica ancora migliore se confrontati con la perenne situazione emergenziale della regione Campania, con soli tre impianti di compostaggio, gli impianti STIR assolutamente inadeguati e le poche discariche operative ormai sature”.

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

CLICCA QUI  per conoscere i dati della raccolta differenziata del Comune di Massa Lubrense e di tutti i Comuni della Provincia di Napoli e Salerno

MODULISTICA per conferire rifiuti differenziati al Centro di Raccolta  Comunale

Prenotazione telefonica ritiro materiali ingombranti

Telefonare il mercoledì dalle 9,00 alle 13,00

0818780630

NOTIZIE

Repubblica.it > Ambiente

Giornata delle Oasi Wwf: una domenica nella natura (ven, 18 mag 2018)
Domenica 20 maggio torna la Giornata della oasi Wwf, un'occasione straordinaria per celebrare la biodiversità del nostro Paese. Grazie alle oasi (più di 100 in...
>> leggi di più

Vicenza, gli inquinatori della Miteni in concordato (pre-fallimento). E Greenpeace attacca (ven, 18 mag 2018)
L'azienda assicura che per la bonifica dei terreni non c'è alcun disimpegno da parte degli azionisti. Ma gli ambientalisti nutrono molti dubbi sull'azione...
>> leggi di più

Ecco perché il letto dello scimpanzé è più pulito del nostro (ven, 18 mag 2018)
I loro giacigli contengono una maggiore varietà di microbi dell'ambiente esterno, ma meno batteri provenienti dal loro corpo. Fra le ragioni, una elevata...
>> leggi di più

ReteAmbiente

Ambiente, aggiornati fabbisogni Province e Città metropolitane (ven, 18 mag 2018)
Pubblicato il decreto governativo che aggiorna, a metodologia invariata, i fabbisogni standard delle Province e delle Città metropolitane per il 2018 con riferimento alla funzione "tutela e valorizzazione dell'ambiente". Aggiornamento normativo - Disposizioni trasversali/Aua - Leggi l'articolo »
>> leggi di più

Appalti, aggiornate Linee guida su offerta economicamente più vantaggiosa (ven, 18 mag 2018)
L'Autorità anticorruzione con delibera 2 maggio 2018, n. 424 ha aggiornato le Linee guida n. 2 sull'offerta economicamente più vantaggiosa alle modifiche al Dlgs 50/2016 apportate dal correttivo del 2017 (dlgs 56/2017). Aggiornamento normativo - Appalti e acquisti verdi - Leggi l'articolo »
>> leggi di più

Rinnovabili

Ambiente, green economy, rifiuti zero nel contratto M5S – Lega (ven, 18 mag 2018)
“Ambiente, green economy e rifiuti zero”, è il titolo del quarto capitolo del Contratto per il governo del cambiamento appena sfornato dal Movimento Cinque Stelle e dalla Lega The post Ambiente, green economy, rifiuti zero nel contratto M5S – Lega appeared first on Rinnovabili. Related posts: Etabeta: il futuro è nell’economia circolare Economia circolare trasparente Stati Generali della Green Economy: un decalogo per cambiare
>> leggi di più

Ciao, Cristina Benedetti (ven, 18 mag 2018)
The post Ciao, Cristina Benedetti appeared first on Rinnovabili. Related posts: Dopo 10 anni apre le porte il Biomuseo di Gehry a Panama Orti urbani: a Boston la foresta alimentare coltivata dai cittadini Current window: la finestra fotovoltaica dal gusto retrò
>> leggi di più

Notizie Area Ambiente e Territorio

La rucola è un toccasana per la salute: tutti i benefici in uno studio del CREA (lun, 18 dic 2017)
17 nutrienti essenziali fanno della rucola un functional food
>> leggi di più

Approvato l’uso d’emergenza della zoxamide su lattughe, rucola, baby leaf e spinacio (gio, 07 dic 2017)
Ministero della Salute: accolta la richiesta di Coldiretti sull’uso d’emergenza della sostanza attiva zoxamide
>> leggi di più

Il consumo di suolo costa 400 milioni all’agricoltura (gio, 07 dic 2017)
Coldiretti sul consumo di suolo: la produzione agricola perde 400 milioni di euro all’anno con pesanti effetti dal punto di vista economico, occupazionale, ma anche ambientale
>> leggi di più

Biologico, la Riforma Ue affonda il settore (gio, 07 dic 2017)
Via libera del Consiglio Ue all’accordo sulle nuove norme per l'agricoltura biologica: il compromesso raggiunto non soddisfa Coldiretti
>> leggi di più

Flop Ogm in Europa, solo due paesi li coltivano ancora (gio, 07 dic 2017)
Coldiretti su dati Infogm: in Europa sono rimasti solo due Paesi a seminare organismi geneticamente modificati. la superficie coltivata nel 2017 cala del 4,3 %
>> leggi di più